L’ambiente e la sua capacità di assorbire le ferite è stato l’oggetto del convegno che si è tenuto mercoledì 12 aprile all’ISII Marconi, per far conoscere ai ragazzi le principali criticità ambientali e per imparare a riappropriarsi di un corretto rapporto con la natura.

Il tema dei lavori di quest’anno – coordinati dalla professoressa Maria Rita Anselmini, è la resilienza ambientale, cioè la capacità della natura di rimarginare un evento traumatico.

Due gli esempi forti presentati agli studenti – oltre che dai professori – anche da due studentesse della facoltà di giurisprudenza dell’Università Cattolica di Piacenza: il caso dell’Ilva di Taranto e i disastri nucleari nel mondo.

Il territorio piacentino è direttamente coinvolto con il nucleare, “ma fortunatamente – ha spiegato il docente di fisica Marco Affaticati – non si sono mai verificati gravi incidenti e di conseguenza non ci dovrebbero essere grossi problemi di resilienza ambientale”.

Da sito web Quotidiano Libertà - 12 aprile 2017

Ecco alcune immagini del convegno ed un servizio video

Resilienza2

Resilienza1

 


Pubblicata il 13 aprile 2017