Concorso Giana Anguissola

Grande soddisfazione per il 2° posto (con 150 € di buono acquisto in libri) della classe 4B Elettronica al concorso letterario "Giana Anguissola" dal titolo "La musica delle cose" con premiazione avvenuta a Palazzo Gotico alla presenza del giovane Direttore d'orchestra Matthieu Mantanus.

La classe ha realizzato un booktrailer relativo al romanzo "Beethoven e la ragazza dai capelli blu" scritto dal Direttore d'orchestra Matthieu Mantanus che è intervenuto alla premiazione e si è intrattenuto col gruppo di ragazzi complimentandosi per il prodotto realizzato (e che intende utilizzare!). Il progetto coordinato dalla Prof. Lucia Rossi, è stato possibile grazie al talento dei 21 allievi di 4B, alla infinita pazienza del Prof. Giovanni Salsi in sala musica e alla disponibilità e bravura della bassista Serena Rossi di 3D.

A seguire le immagini della premiazione, l'articolo di libertà ed il servizio di telelibertà dedicati all'evento.

giana1

giana2

giana3

Piccoli scrittori crescono, in 250 per il premio "Giana Anguissola"

Premiati con buoni libri dieci studenti sul tema "La musica delle cose. Storie per leggere e per ascoltarsi gli uni con gli altri"

giana4

giana5

Piacenza non dimentica Gia­na Anguissola. La scrittrice travese è stata infatti ricordata ieri mat­tina con il tradizionale concorso a lei intitolato che da 13 anni la bi­blioteca comunale Passerini Landi organizza.

250 sono stati i ra­gazzi delle scuole superiori della città che ieri si sono dati appun­tamento al Salone di Palazzo Go­tico per la cerimonia conclusiva del concorso con il direttore d'or­chestra e scrittore Matthieus Mantanus durante la quale sono stati premiati dieci studenti con dei buoni-libro.

Il tema con cui i ragazzi hanno dovuto confrontar­si quest'anno è stato "La musica delle cose. Storie per leggere e per ascoltarsi gli uni con gli altri" e lo hanno fatto sia attraverso dei te­sti che con dei videobookche so­no stati letti e proiettati proprio durante la mattinata: alla fine a ri­sultare vincitori, grazie al voto del­le stesse classi presenti, sono sta­ti Andrea Paolo Onorati della se­conda linguistico C del liceo Gioia con la poesia "Q senso" Camilla Bianchi della prima E del liceo Re­spighi con il racconto "Vibrazio­ni" Carlotta Corsi della seconda linguistico C del Gioia con la poe­sia "La musica come terapia" nell'ambito della sezione raccon­ti; sempre qui è stato premiato con una menzione speciale an­che il testo "Fra note silenziose" di Sofia Sartori della seconda D del liceo Cassinari. Per quanto ri­guarda invece la categoria dei videobook, il primo posto è spetta­to a Giada Alrazem della secon­da SAA del liceo Colombini con il video sul libro "Piano concerto" di Maria Chiara Duca, mentre il secondo è stato di Alexandru Balan della quarta B dell'ISII Marco­ni per il filmato sul romanzo "Beethoven e la ragazza coi capelli blu" di Mantanus; a salire sul podio infine è stato Amet Joric della seconda Esa del Colombini con il video su "Le variazioni Lucy" di Sara Zarr.

Da segnalare quest'an­no è stata anche la novità rappre­sentata dal concorso "Racconta­mi la storia di Piacenza" alla sua prima edizione: a essere premia­to dalla presidente della giuria Daniela Morsia è stato il raccon­to "Le cronache di frappe" di Riccardo Negri, Ettore Uggetti, Car­lotta Davoli ed Edoardo Puglisi della terza design del Cassinari. "Ci siamo soffermati sulla musica intesa come metafora della cre­scita della vita - ha spiegato Gabriela Zucchini che insieme ad Eros Miari ha condotto la matti­nata - ma anche come linguaggio universale per eccellenza, capa­ce di dialogare con il mondo pro­fondo di chi la ascolta. È un po' la stessa cosa che succede con la letteratura. Non sorprende dunque che nella produzione editoriale per ragazzi la musica emerga co­me protagonista della narrazio­ne, sottotraccia del racconto o co­lonna sonora della vicenda nar­rata"

La mattina, aperta dai saluti del consigliere comunale Nelio Pa­vesi, ha visto anche la partecipa­zione del responsabile delle bi­blioteche di Piacenza Graziano Villaggi, di Francesca Agosti e Ce­cilia Magnani in rappresentanza della biblioteca, nonché di Rosella Parma,a lungo direttrice della Passerini Landi e della biblioteca per ragazzi "Giana Anguissola" e dello scrittore Mantanus, che si è detto "colpito dalla profondità de­gli elaborati dei ragazzi e dalla loro capacità di considerare la mu­sica come una specie di specchio per le loro sensazioni".

 Betty Paraboschi

Dal Quotidiano Libertà 3-5-2018


Pubblicata il 05 maggio 2018