Progetto Packaging

Gli alunni delle classi 4B e 5B elettronica dell’ISII Marconi sono stati coinvolti in un contest, organizzato da Confapindustria Piacenza, Laminati Cavanna e Randstad, insieme ad alcune classi del Liceo Respighi.

Quest’anno il tema del concorso, giunto alla terza edizione, era “Il packaging oltre il packaging”. Un tema di scottante attualità da affrontare considerando l’utilità del packaging da una parte ed il rispetto dell’ambiente dall’altro.

A seguito di un primo incontro avvenuto nel gennaio, in cui veniva introdotto il tema del contest e venivano date le indicazioni sui testi/riviste e siti da consultare, i ragazzi hanno avuto il compito di realizzare dei video della durata massima di 3 minuti in cui potessero spiegare l'attuale packaging e dare delle indicazioni su future possibili soluzioni tecnologiche da realizzare per rendere il packaging più rispettoso dell'ambiente.

Gli allievi sollecitati dal tema e coordinati dai docenti prof. Angelino F.C. e Cantarini L., coadiuvati dai colleghi Zangrandi A.M. e Decarli L., si sono divisi in gruppi ed in autonomia, impiegando 12 ore di attività di laboratorio, hanno lavorato con attenzione mettendo a frutto le indicazioni ricevute dai docenti su brainstorming, problem-solving e team working.

Durante il convegno conclusivo, tenutosi giorno 3 maggio presso il campus Crédit Agricole di Piacenza,  è avvenuta la premiazione dei video realizzati. Il gruppo di allievi della 5B composto da Bruzha D., Fiorani L., Franzoso M., Haidane A., Jefferson R., Levonja S. e Pagani D. si è classificato al terzo posto.

Seguono alcune foto dell’evento, l’articolo dedicato all’evento dal quotidiano libertà, l'articolo di libertà on-line, il video con il servizio di telelibertà ed il video dei ragazzi che si sono aggiudicati il terzo posto.

packaging1

packaging2

Imballaggi, la nuova parola d’ordine è “sostenibilità”

Piacenza capitale del packaging: 2.550 addetti e 70 imprese sul territorio

packaging3

Piacenza, capitale del packaging. E non è solo per i 2.550 addetti con l’indotto e le circa 70 imprese che conta sul territorio. Ieri infatti al Campus Credit Agricole Cariparma Confapi Industria Piacenza ha organizzato il convegno “Il packaging oltre il packaging: imballaggi, economia e società”.

La tavola rotonda coordinata dal vicedirettore di Telelibertà Michele Rancati ha messo sotto i riflettori un settore di riferimento, come ha evidenziato il presidente di Confapi Cristian Camisa: "Piacenza non conosceva le potenzialità di questo settore che è in crescita – ha spiegato – è un patrimonio che non deve andare disperso. Mi auguro che magari con Piacenza Expo si possa organizzare una fiera dedicata al packaging: ci mettiamo a disposizione, il nostro territorio ha tanto da dire".

La dimostrazione è arrivata dagli interventi che si sono alternati dopo il saluto dell’assessore Paolo Mancioppi, ma anche dal concorso “Repack” che ha visto partecipare gli studenti del liceo Respighi e dell’Isii Marconi: a promuoverlo è stata la vicepresidente della Laminati Cavanna Spa Anna Paola Cavanna (che sarà eletta presidente dell’Istituto italiano imballaggio nei prossimi giorni) che ha anche premiato i progetti di Matteo Nuccio, Filippo Ponzanibbio, Stefano Dallospedale, Nadia Di Franco, Alexia Perini, Gianluca Renai, Filippo Farina, Matteo Ceruti e Nicolò Ferrari della 3 F e Alessandro Castelluzzo, Davide Mozzi, Matteo Segalini, Pietro Gabbiani, Romeo Rovati, Edoardo Schiavi, Marika Liotta, Lorenzo Terranova della 4 F del Respighi, Matteo Franzoso, Jefferson Romero, Daniele Pagani, Shyqeri Levonja, Luca Fiorani, Bruzha Dmytro e Ayoub Haidane della 5 B del Marconi.

"C’è un cambio di paradigma per quanto riguarda il packaging – ha fatto notare il vicepresidente di Giflex Alberto Palaveri - il tema è quello della sostenibilità perché la progettazione degli imballi del futuro punta a realizzazioni riciclabili". A fargli eco è stato anche Andrea Cassinari di Cellografica Gerosa Spa che ha evidenziato come "il packaging che compriamo oggi sia molto più sostenibile".

Il designer di Artefice Group Pier Benzi ha delineato i principi del linguaggio del packaging «che permettono il posizionamento del prodotto, il racconto di una storia e la garanzia della sostenibilità". Il direttore dell’Istituto italiano imballaggio Marco Sachet si è invece concentrato sul packaging inteso come scienza, mentre il  presidente di Unionalimentari Antonio Casalini ha ricordato che "la cultura dell’imballaggio si fa informando". Proprio come ha fatto il convegno.

red.cro.

Dal quotidiano Libertà - venerdì 4 maggio 2018

Piacenza ancora capitale del packaging grazie a Confapindustria

packaging4

Per il terzo anno consecutivo Piacenza si conferma capitale italiana del packaging grazie al convegno voluto da Confapindustria Piacenza per valorizzare un settore dell’economia provinciale che conta su circa 70 aziende e oltre 1.500 addetti diretti, più un altro migliaio di indotto.

Al Campus Credit Agricole di via San Bartolomeo si sono dati appuntamento i principali operatori locali e nazionali per chiudere il “trittico” iniziato con il primo incontro del 2016 e proseguito lo scorso anno. Tema di questa edizione, “Il packaging oltre il packaging”, ossia le novità legate agli imballaggio sotto il profilo della sicurezza, salubrità e sostenibilità aziendale e sociale. Come al solito, relatori di prestigio hanno animato i lavori, introdotti dal presidente di Confapindustria Piacenza Cristian Camisa: Alberto Palaveri di Giflex, Andrea Cassinari di Cellografica Gerosa, Pier Benzi di Artefice Group, Marco Sachet dell’Istituto italiano imballaggio e Antonio Casalini, presidente di UnionAlimentari.

Anna Paola Cavanna ha presentato le classi del liceo Respighi e dell’ISII Marconi che, nell’ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro “Repack”, sono state invitate a realizzare un imballaggio innovativo e a documentarlo attraverso un filmato.

Concludendo il proprio intervento, il presidente Camisa ha lanciato un’idea:“Vista la rilevanza di questo settore, se Piacenza Expo decidesse, come auspichiamo, di lavorare su una fiera del settore imballaggio noi siamo pronti a metterci a disposizione per collaborare alla sua realizzazione”

Da Libertà on-line - 3 maggio 2018


Pubblicata il 16 maggio 2018