La nascita dell'ITI

E' stato recentemente pubblicato il primo numero di Hell Magazine a.s. 2020-2021 contenete diversi articoli davvero interessanti dedicati alla nostra scuola. Se lo desideri potrai leggerli tutti nel sito di Hell Magazine, a cui si può accedere tramite l'apposito pulsante ISII Hell Magazine disponibile nella parte inferiore della homepage di questo sito.

Nel seguito è riportato l'articolo, a cura del Prof. Maurizio Pavesi,  dedicato alla nascita del nostro Istituto.

1 Ottobre 1941: La Nascita dell'Istituto Tecnico Industriale

L'Istituto tecnico Industriale nasce grazie all'impegno e alla tenacia dell'Ing. Gaetano Modonesi. Ordinario di meccanica e disegno presso la Regia Scuola Tecnica di Rimini, il 19 dicembre 1933 vinse il concorso di Direttore di scuole tecniche di avviamento professionale ed arrivò  a Piacenza nel 1934 per assumere la direzione della Scuola di avviamento professionale "Spartaco  Coppellotti" che allora aveva sede in via Maddallena n. 16-18.  Nel 1937 divenne direttore della scuola tecnica industriale e nel 1939 incominciò a far presente alle Autorità cittadine l'importanza dell'istruzione tecnica nelle scuole.

Il 3 agosto 1941 il quotidiano Liberà annunciava "L'istituzione di un Regio Istituto Tecnico Industriale per meccanici elettricisti ". In Italia allora esistevano solamente 40 istituti Tecnici Industriali. Escluse le provincie romagnole,  quello di Piacenza era l'unico Istituto Regio di quel tipo in Emilia. Il 3 settembre 1942 Modonesi ne fu nominato ufficialmente Preside.

L'Istituto incominciò la sua attività in un fabbricato di proprietà della Provincia posto in via Mazzini n. 62 dove restò per molto tempo. Nel  luglio 1943 però intanto la Amministrazione provinciale  di Piacenza aveva provveduto ad acquistare dai proprietari di allora   (Clara e Teresa Anguissola Scotti, Attilio Vitali ed Emilio Casana)  28.000 mq di  terreno posto  in aperta campagna, fuori dal centro cittadino, dove avrebbe dovuto sorgere il nuovo Istituto.

La costruzione della nuova sede  incominciò nel settembre 1951 e la prima parte ad essere costruita fu il  capannone adibito alle officine per meccanici ed elettricisti.  Il capannone  fu inaugurato il 1 ottobre 1956 dall' avv. Alfredo Conti, Presidente della  Provincia, alla presenza delle autorità ciitadine . Subito dopo  l'avv. Conti celebrò anche la cerimonia di inizio lavori del primo fabbricato dell'Istituto Tecnico Industriale , quello che sarebbe poi  diventato la sede dell'attuale biennio.

I lavori si protrassero per molto tempo, anche a causa di alcune interruzioni. Intanto però nel 1959 veniva costruita anche la  parte annessa al capannone officine  denominata "La Palazzina" che doveva ospitare il laboratorio per radiotecnici e quello per le saldature.

La sede dell'attuale biennio , che allora era la sede dell'ITI , venne inaugurata il  giorno 8 novembre 1964 dal Ministro della Pubblica Istruzione On. Luigi Gui in visita a Piacenza.

Il 22 giugno 1965 moriva l'Ing. Modonesi e il 16 dicembre gli veniva  dedicata  l'attuale Aula  Magna dell'Istituto.  A lui , nel 1966, succedeva come Preside  l'ing. Lionello Nigelli. Sotto la sua presidenza, come annunciato da Libertà il 16 aprile 1967,  ebbe luogo il raddoppiamento dell'Istituto con la costruzione dei fabbricati dell'attuale triennio.

Nel 1970 furono appaltati due nuovi lotti di lavori. Il primo lotto, riservato ai nuovi laboratori del triennio,  sarebbe stato ultimato  nell'ottobre 1972. Il secondo lotto, riservato a nuove aule e agli uffici, sarebbero stati ultimati nel 1974.  Nel 1985  il Preside Nigelli andava in pensione e gli subentrava alla presidenza l'ing. Bruno Sozzi che sarebbe rimasto in servizio fino ad agosto 2012. All'ing. Sozzi  toccò la definitiva  modernizzazione dell'Istituto a cominciare da tutti i lavori necessari alla prevenzioni incendi previsti dalla legge n. 818 del 7 dicembre 1984 .

Sotto la sua presidenza tante furono le novità , a cominciare dalla introduzione della nuova specializzazione di Informatica. Alcune molto particolari , come la creazione del laboratorio denominato "Satellite didattico" (in collaborazione con la Agenzia Spaziale Italiana)  che permetteva agli studenti dell'Istituto di acquisire una conoscenza di base nella ricezione  di dati da satelliti in orbita bassa.

Prof. Maurizio Pavesi

Da Hell Magazine . n.1 Maggio 2021