Piacenza romana con “Archistorica”

L'architetto Manrico Bissi ha presentato alla classe 2C dell'ISII Marconi la storia di Piacenza che nell'antichità si chiamava Placentia. La città è stata fondata dai Romani nel 218 a.C. insieme a Cremona con lo scopo di sconfiggere Annibale e i Cartaginesi. Piacenza era in un punto strategico perché a nord aveva il Po, a sud gli Appennini e a est l'Emilia già territorio romano.

Rimaneva così solo un canale di terra a ovest dal quale passarono i Cartaginesi che vinsero sul fiume Trebbia. C'era anche un porto sul fiume Po. Le strade cittadine formavano, con la disposizione a scacchiera e l'incontro tra il cardo e il decumano che erano le due vie principali, un reticolato con al centro due templi. Il progetto ha mirato alla ricerca dei resti del passato nella città viva di oggi perché la storia si scolpisce strato dopo strato.

Andrea Spazzapan - classe 2C 

piacenza-romana1

I ragazzi della classe 2C dell'ISII Marconi

Con i miei compagni della classe 2B dell'ISII Marconi ci siamo recati presso piazza S. Antonino dove abbiamo iniziato la nostra “visita romana” con Cristian Boiardi.

Durante la mattinata abbiamo avuto modo di passeggiare tra le vie di Piacenza e, grazie all’uso di visori VR forniti dalla guida, abbiamo potuto vedere con i nostri occhi come appariva Piacenza in epoca romana.Grazie a questi visori interattivi, ci è stata offerta la possibilità di compiere un tour virtuale della città e di vedere le mura, il foro, le case e i templi.

La città è stata ricostruita, grazie allo studio di storici ed archeologi, esattamente nel modo in cui appariva tra il I e il II secolo d.C., in particolare abbiamo avuto modo di visitare il foro, l’arena, l’anfiteatro, la porta orientale, meridionale e le mura.

Alessandro Lombardelli - classe 2B

piacenza-romana3

I ragazzi della classe 2B dell'ISII Marconi

A seguire il video realizzato da Luca Peggiani - classe 2B


Pubblicata il 04 aprile 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.